L'amico ritrovato. - Fred Uhlman - Una recensione di Edoardo Peruzzi

Pubblicato il da Libreria Fahreheit 451 Quarrata

amico-ritrovato.jpgFred Uhlman è nato a Stoccarda ed è morto a Londra ottantacinquenne. Autore anche di un’autobiografia e di altri brevi testi, la sua opera più importante è sicuramente “L’amico ritrovato”, un racconto di straordinaria finezza e suggestione e definito dal Times “un’opera letteraria rara”.

Questo racconto si svolge in Germania e parla di due ragazzi sedicenni che frequentano la stessa esclusiva scuola. L’uno è figlio di un medico ebreo, l’altro è di famiglia aristocratica. Tra loro un’amicizia del cuore, un’intesa magica e perfetta anche se un anno dopo, nel 1933, il loro legame è spezzato a causa della guerra.

In questo libro ho trovato l’attenzione dell’autore ai sentimenti e ai pensieri dei ragazzi e il modo delicato in cui tratta un grave problema come il nazismo.

Questo piccolo libro, quasi una novella, adatto a tutta la famiglia è destinato a rimanere per sempre nel cuore di chi lo legge.

 

Edoardo Peruzzi (3° media Quarrata)

 

L’amico ritrovato

Fred Uhlamn

Feltrinelli € 5,50

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post

paolo ciampi 03/27/2010 10:56


Bravo Edoardo... è una lettura molto importante di cui hai colto il grande significato...